sabato 22 agosto 2015

7 sostanze nutritive che non è possibile ottenere dagli alimenti vegetali

Gli esseri umani si sono evoluti mangiando sia cibi vegetali che alimenti di origine animale.

Eliminando completamente gli uni o gli altri, rischiamo di diventare carenti di nutrienti chiave.

Questo articolo elenca 7 sostanze nutritive che non si possono ottenere da alimenti vegetali comunemente consumati.




Vegetariani e vegani possono avere bisogno di integrarne alcune, al fine di mantenere una salute ottimale.

1. La vitamina B12
La vitamina B12 è un nutriente essenziale che praticamente non si trova negli alimenti vegetali.

Conosciuto anche come cobalamina, la vitamina B12 è un nutriente solubile in acqua coinvolto nello sviluppo dei globuli rossi, nela manutenzione dei nervi e delle normali funzioni cerebrali.

Senza integratori o alimenti arricchiti, i vegetariani sono ad alto rischio di carenza di vitamina B12.

Si trova principalmente negli alimenti di origine animale, come il pesce, carne, latticini e uova.

I latto-ovo-vegetariani possono ottenere quantità adeguate di vitamina B12 da prodotti lattiero-caseari e dalle uova, ma questo è molto più difficile per i vegani.

Per questo motivo, i vegani sono a più alto rischio di carenza di vitamina B12 che alcuni vegetariani.

I segni, sintomi e rischi associati alla carenza sono:

Debolezza, affaticamento.
Funzione cerebrale compromessa.
Una varietà di disturbi neurologici.
Disturbi psichiatrici.
Disturbi neurologici nei bambini di madri che allattano al seno.
Anemia megaloblastica.
Possibili legami con malattia di Alzheimer.
Possibili collegamenti con malattie cardiache.

I vegani devono ottenere la vitamina B12 assumendo integratori o mangiando alimenti arricchiti o alcuni tipi di alghe.

Molti alimenti trasformati sono stati arricchiti con vitamina B12. Questi includono estratti di lievito arricchito, prodotti di soia, cereali per la colazione, sostituti di pane e carne.

Inoltre, alcuni alimenti vegetali contengono naturalmente piccole quantità di vitamina B12 bioattivi. Questi includono:

Alghe Nori, un tipo di alghe marine.
Tempeh, un prodotto di soia fermentato.

L'alga Nori è considerata la fonte più adeguata di vitamina B12 biologicamente disponibile per i vegani.

Tieni presente che l'alga nori cruda o liofilizzata può essere migliore di quella essiccata convenzionalmente. Sembra che una parte di vitamina B12 venga distrutta nel processo di essiccazione.

Spesso si afferma che un altro alimento vegetale contenente la vitamina B12 è la spirulina. Tuttavia, la spirulina contiene la cosiddetta pseudovitamina B12, che non è biologicamente disponibile. Per questo motivo, non è adatta come fonte di vitamina B12.

2. Creatina
La creatina è una molecola presente in alimenti di origine animale.

La maggior parte è immagazzinata nei muscoli, ma quantità significative sono concentrate anche nel cervello.

Essa funziona come una riserva di energia facilmente accessibile per le cellule muscolari, dando loro maggiore forza e resistenza.

Per questo motivo, è uno degli integratori più popolari al mondo per la costruzione dei muscoli.

Studi hanno dimostrato che l'integrazione di creatina può aumentare sia la massa muscolare che la forza.

La creatina non è essenziale nella dieta, poiché può essere prodotta dal fegato. Tuttavia, i vegetariani hanno quantità inferiori di creatina nei muscoli.

Mettere delle persone su una dieta latto-ovo-vegetariana per 26 giorni determina una significativa diminuzione di creatina muscolare.

Poiché la creatina non si trova in qualsiasi alimento vegetale, i vegetariani e i vegani possono ottenerla solo da integratori.

Nei vegetariani, l'integrazione di creatina può avere benefici significativi. Questi includono:

Miglioramento delle prestazioni fisiche.
Miglioramenti nella funzione del cervello.

Molti di questi effetti sono più forti nei vegetariani che nei carnivori. Ad esempio, i vegetariani che assumono integratori di creatina possono avvertire significativi miglioramenti nella funzione del cervello, mentre i mangiatori di carne non vedono alcuna differenza.

3. Carnosina
La carnosina è un antiossidante che è concentrato nei muscoli e nel cervello.

È molto importante per la funzione muscolare, e alti livelli di carnosina nei muscoli sono collegati con un ridotto affaticamento muscolare e miglioramento delle prestazioni.

La carnosina si trova solo in alimenti di origine animale. Tuttavia, non è essenziale poiché può essere formata nel corpo dagli aminoacidi istidina e beta-alanina.

Le fonti alimentari di beta-alanina, come la carne o pesce, possono contribuire in modo significativo a livelli muscolari di carnosina.

I vegetariani hanno meno carnosina nei muscoli dei carnivori.

L'integrazione con beta-alanina aumenta i livelli di carnosina nei muscoli, migliorando la resistenza e aumentando la massa muscolare.

Integratori di beta-alanina vegani sono disponibili online.

4. Colecalciferolo (Vitamina D3)
La vitamina D è un nutriente essenziale che ha molte funzioni importanti.

La carenza di vitamina D è legata ad un aumento del rischio di varie condizioni avverse. Queste includono:

L'osteoporosi, con un aumento del rischio di fratture negli anziani.
Il Cancro.
Le malattie cardiache.
La sclerosi multipla.
Depressione.
Funzione cerebrale compromessa.
Atrofia muscolare e la forza ridotta, soprattutto nelle persone anziane.

Osteoporosi (ossa deboli) e rachitismo (malformazione ossea) sono gli effetti più noti di carenza di vitamina D. Se sia la carenza di vitamina D a contribuire alle altre condizioni, o è solo associata ad esse, è meno chiaro.

Chiamata anche la vitamina del sole, la vitamina D non deve venire per forza dall'alimentazione. Può essere prodotta dalla nostra pelle quando è esposto alla luce solare. Tuttavia, quando l'esposizione alla luce solare è limitata, dobbiamo ottenerla da cibo (o dagli integratori).

Ci sono due tipi di vitamina D nella dieta, ergocalciferolo (D2) che si trova nelle piante, e colecalciferolo (D3) in alimenti di origine animale.

Dei due tipi di vitamina D, il colecalciferolo (da animali) è molto più potente dell'ergocalciferolo. In altre parole, aumenta i livelli ematici di vitamina D bioattiva molto più efficientemente.

Le migliori fonti di colecalciferolo sono grassi di pesce e tuorli d'uovo. Altre fonti includono integratori, olio di fegato di merluzzo, o alimenti arricchiti come il latte o cereali.

5. acido docosaesaenoico (DHA)
L'acido docosaesaenoico (DHA) è un acido grasso omega-3 essenziale.

E 'importante per il normale sviluppo e funzioni del cervello.

La carenza di DHA può avere effetti negativi sulla salute mentale e le funzioni del cervello, in particolare nei bambini.

Inoltre, un'insufficiente assunzione di DHA durante la gravidanza può influenzare negativamente lo sviluppo del cervello nel bambino.

Si trova principalmente nel pesce grasso e nell'olio di pesce, ma anche in alcuni tipi di microalghe.

Nel corpo, il DHA può essere prodotto anche dall'acido grasso omega-3 ALA, che si trova in quantità elevate nei semi di lino, nei semi di chia e nelle noci.

Tuttavia, la conversione da ALA a DHA è inefficiente. Per questo motivo, i vegetariani e vegani sono spesso più carenti di DHA rispetto ai carnivori.

I vegani possono ottenere questo importante acido grasso tramite l'assunzione di integratori (olio algale) realizzato con alcune microalghe.

6. Ferro-eme
Il ferro-eme è un tipo di ferro presente solo nella carne, specialmente carne rossa.

E' molto meglio assorbito rispetto al ferro non-eme che si trova in alimenti di origine vegetale.

Non solo il ferro-eme viene ben assorbito, ma migliora anche l'assorbimento del ferro non-eme da alimenti vegetali. Questo fenomeno non è del tutto chiaro e si chiama "fattore carne."

Diversamente dal ferro non-eme, il ferro-eme non è influenzato da antinutrienti, come l'acido fitico, spesso presenti in alimenti vegetali.

Per questo motivo, i vegetariani e vegani sono più inclini all'anemia dei mangiatori di carne, in particolare le donne e le persone con diete macrobiotiche.

7. Taurina
La taurina è un composto di zolfo che si trova in vari tessuti del corpo, compreso il cervello, cuore e reni.

La funzione della taurina nel corpo non è del tutto chiara.

Tuttavia, sembra che essa possa svolgere un ruolo nella funzione muscolare, la formazione di sali biliari e antiossidanti nelle difese dell'organismo.

L'integrazione con taurina può avere diversi vantaggi per la salute del cuore, come l'abbassamento del colesterolo e della pressione sanguigna.

La Taurina si trova solo nei cibi animali come pesce, frutti di mare, carne, pollame e prodotti lattiero-caseari.

Non è essenziale nella dieta poiché piccole quantità vengono prodotte dal corpo. Tuttavia, la taurina nell'alimentazione può svolgere un ruolo importante nel mantenimento dei livelli di taurina nel corpo.

I livelli di taurina sono significativamente più bassi nei vegani rispetto ai mangiatori di carne.

Conclusione:
Le diete vegetariane e vegane possono essere molto salutari per alcune persone.

Tuttavia, ci sono alcune sostanze nutrienti importanti che sono impossibili da ottenere da alimenti vegetali comunemente consumati.

Se si prevede di eliminare completamente i cibi di origine animale, quindi è necessario essere più prudenti circa la vostra alimentazione e assicurarsi di ottenere tutto ciò di cui il tuo corpo ha bisogno.

Fonte: Autority Nutrition


10 sostanze nutritive che non puoi ottenere dai prodotti animali

Cibo animale e cibo vegetale hanno notevoli differenze, soprattutto dal punto di vista del valore nutrizionale, dal momento che alcuni nutrienti sono specifici delle piante o del cibo animale.

Per una nutrizione ottimale, ha quindi senso seguire una dieta completa che li contenga entrambi.

In questo articolo trovi una serie di 10 comuni nutrienti che è difficile, se non impossibile, ottenere dal cibo animale.




1. Vitamina C
La Vitamina C è l’unica vitamina essenziale che non si trova in quantità significative nel cibo animale cotto.

E’ un potente antiossidante, essenziale per la manutenzione del tessuto connettivo. E’ anche un co-fattore di molti enzimi nel corpo.

Inoltre una carenza di vitamina C può provocare scorbuto, una condizione caratterizzata inizialmente da pelle a chiazze e sensazione di stanchezza.

Allo stadio avanzato lo scorbuto può portare pelle gialla, perdita dei denti, emorragia e, in casi estremi, morte.

Una dieta che contempla esclusivamente cibo animale di solito non contiene abbastanza vitamina C. Per questo motivo abbiamo bisogno di attingerla da frutta, vegetali ed eventualmente integratori.

Una certa quantità di vitamina C si può ottenere da fegato crudo, uova di pesce e uova. Piccole quantità si trovano anche in carne cruda e pesce.

Dal momento che la maggior parte delle persone attinge già abbastanza vitamina C dalla propria dieta, di solito l'integrazione non è necessaria.

Nonostante ciò, alcuni studi sostengono che un alto apporto di Vitamina C possa:

Proteggere dal declino cognitivo collegato all'invecchiamento.
Ridurre la pressione sanguigna.
Migliorare la salute vascolare, riducendo i rischi di coaguli nelle arterie.

Alcuni di questi effetti sono evidenti solo in chi aveva una bassa quantità di Vitamina C all'inizio.

Assumere vitamina C può anche aumentare l’assorbimento di ferro di un pasto. Questo può ridurre i rischi di anemia nelle persone predisposte a carenza di ferro.

La vitamina C si trova nella maggior parte dei vegetali, soprattutto in frutta e verdura cruda. Le migliori fonti sono peperoni, cavoli, kiwi, agrumi e frutta di vario tipo.

2-5: Flavonoidi
I flavonoidi sono il più comune gruppo di antiossidanti vegetali. Si trovano virtualmente in tutti gli alimenti vegetali.

La maggior parte dei benefici del mangiare frutta è verdura è dovuta proprio al contenuto di flavonoidi. Infatti studi indicano che le diete ricche di flavonoidi possono avere benefici sulla salute come:

Minori rischi di malattie cardiache.
Migliorare la salute e la funzionalità del cervello.
Migliorare la salute del colon.

Qui sotto c’è una recensione dei 4 flavonoidi più comuni, che include le fonti e i benefici sulla salute.

2. Quercetina

La quercetina è uno dei flavonoidi più comuni.

Un alto apporto di quercetina è stato collegato a una riduzione della pressione sanguigna e a minori rischi di malattie cardiache.

La quercetina si trova nella maggior parte degli alimenti vegetali, ma le fonti più ricche sono capperi, cipolla, cacao, ossicocco e mele. Si trova anche come integratore.

3. Catechine

Le catechine sono una famiglia di flavonoidi, le più abbondanti sono catechine e epicatechine.

Sono stati ampiamente studiati i benefici sulla salute delle catechine del tè verde.

Sono state collegate a una riduzione della pressione sanguigna, miglioramento delle funzioni dei vasi sanguigni e abbassamento del colesterolo nel sangue.

Le catechine si trovano in molti frutti e bevande. Le migliori fonti sono le albicocche, le mele, le pere, l’uva, le pesche, il tè, il cacao e il vino rosso.

4. Esperidina

L’esperidina è uno dei flavonoidi più comuni.

Studi hanno evidenziato che l’esperidina può aiutare a prevenire le malattie cardiache e il cancro. Le prove, però, per adesso sono limitate a studi condotti sugli animali da laboratorio.

L’esperidina è presente quasi esclusivamente negli agrumi, soprattutto arance e limoni .

5. Cianidina

La cianidina è l’antocianina più ampiamente distribuita.

Le antocianine sono pigmenti antiossidanti responsabili del colore brillante di molti frutti e verdure.

Studi indicano che le antocianine possono ridurre i rischi di malattie cardiache, ma le prove sono ancora molto limitate.

La cianidina si trova in frutta e verdura colorata. Le fonti più ricche sono le bacche di colore scuro come le more, i lamponi e il ribes nero.

6-9: Fibre
Si dice che le fibre presenti nel cibo vegetale siano responsabili di molti benefici sulla salute.

Le fibre sono la parte della pianta che non può essere digerita nelle prime regioni dell’apparato digerente.

Un alto apporto di fibre è stato collegato a molti effetti benefici sulla salute.

Tra questi abbiamo:

Minore colesterolo.
Riduzione dei rischi di infarto.
Minori rischi di costipazione.
Minori rischi di cancro al colon.
Aumento della sensazione di pienezza dopo un pasto, cosa che promuove la perdita di peso.
Molti tipi di fibre sono anche prebiotici, capaci di migliorare la salute del colon promuovendo la crescita di batteri benefici.

Sotto sono elencati 4 tipi di fibre dietetiche che hanno dimostrato di avere benefici per la salute degli esseri umani.

6. Beta-glucani

I beta-glucani sono uno dei tipi di fibre più studiati.

Sono fibre viscose che sono state collegate a numerosi benefici sulla salute.

Come prebiotici, i beta-glucani fermentano nel colon, dove stimolano la crescita di benefici bifidobatteri. Questo può migliorare le funzioni del colon.

Possono anche abbassare la pressione sanguigna, ridurre il colesterolo e modulare i livelli di zuccheri nel sangue dopo un pasto.

Le fonti più ricche di beta-glucano sono la crusca di avena e di orzo. Quantità inferiori di beta-glucano si trovano in altri cereali integrali come la segale, il frumento e il riso.

7. Pectina

Le pectine sono una famiglia di fibre prebiotiche che si trovano nella frutta.

Possono essere di diverse forme con differenti effetti sulla salute.

Le pectine possono promuovere la crescita di batteri benefici nel colon. Possono anche alleviare la diarrea cronica e modulare i livelli di zuccheri nel sangue dopo i pasti.

Studi addizionali suggeriscono che le pectine possono anche aiutare a prevenire il cancro al colon.

Le principali fonti dietetiche di pectine sono i frutti, come arance, mele, prugne, banane e bacche.

8. Inulina

L’inulina fa parte di un gruppo di fibre note come fruttani.

Come fibre prebiotiche, l’inulina e gli altri fruttani promuovono la salute del colon stimolando la crescita dei benefici bifidobatteri.

Studi indicano che le diete ad alto contenuto di inulina possono alleviare la costipazione.

In ogni caso alcune persone sperimentano effetti collaterali come flatulenza e gonfiore.

L’inulina si trova in diversi frutti e verdure, incluse banane, carciofi, asparagi, cipolle, aglio, porro e cicoria.

9. Lignani


A differenza di altre fibre alimentari, i lignani sono dei polifenoli, piuttosto che carboidrati.
Quando arrivano nel colon, sono fermentati dai batteri intestinali. Questo processo di fermentazione li trasforma in fitoestrogeni, che vengono successivamente assorbiti nel flusso sanguigno.
I fitoestrogeni sono stati collegati con numerosi benefici per la salute, tra cui una riduzione del rischio di malattie cardiache e il cancro al seno.
I lignani si trovano nella maggior parte degli alimenti vegetali. Le fonti alimentari più ricche sono semi (soprattutto semi di lino) e cereali.

10. Amido resistente

L’amido è il carboidrato più comune nelle piante.

Di solito è ben digerito, ma parte di esso potrebbe essere resistente alla digestione. Questo tipo di amido è chiamato amido resistente.

L’amido resistente promuove la crescita di batteri benefici nel colon, migliorando la salute del colon.

Studi hanno anche indicato che l’amido resistente può aumentare il senso di pienezza e modulare gli zuccheri nel sangue dopo i pasti.

L’amido resistente si trova in vari cibi ad alto contenuto di carboidrati come cereali integrali, legumi, banane non mature e patate che si sono raffreddate dopo la cottura.

Conclusione
Una dieta bilanciata ricca di cibo animale e vegetale ha molti vantaggi.

Sebbene una dieta “carnivora” possa essere salutare, manca di alcuni importanti nutrienti che sono presenti solo nei vegetali.

Fonte: Authority Nutrition


sabato 15 agosto 2015

12 cibi salutari 1000 volte più deliziosi del cibo spazzatura


Alcuni credono che il cibo sano sia insapore e noioso.
Ma niente è più lontano dalla verità.
In questo articolo scopriamo insieme 12 cibi sani che sono molto più gustosi del pessimo cibo spazzatura.

1. Fragole

Le fragole sono straordinariamente succose e hanno un sapore dolce e delizioso.
Sono un’eccellente fonte di vitamina C, manganese, folato e potassio, oltre a contenere diversi antiossidanti e composti vegetali.
Una tazza di fragole contiene 3 grammi di fibre e appena 46 calorie.
Mangiare le fragole è stato collegato a un miglioramento della salute del cuore, un miglior controllo degli zuccheri nel sangue e alla prevenzione del cancro.
Se non ti piacciono da sole, prova a farne una macedonia con olio di cocco, un pizzico di sale e una spolverata di cacao crudo.

2. Mirtilli

mirtilli sono colorati e nutrienti e hanno un sapore dolce e gustoso.
Una tazza di mirtilli contiene solo 84 calorie, ma ben 4 grammi di fibre.
Contiene anche una grande quantità di diverse vitamine e minerali, come  vitamina C, vitamina K e manganese.
I mirtilli sono un superfood antiossidante. Possono proteggere dallo stress ossidativo e dalle malattie croniche e hanno anche dimostrato di migliorare la memoria negli anziani.
Sono ottimi nella macedonia, nel porridge e nei frullati.

3. Cioccolato crudo

Diversi studi hanno evidenziato che il cioccolato fondente fa molto bene e può ridurre i rischi di alcune malattie.
Il cioccolato fondente crudo è ricco di fibre e antiossidanti, minerali come ferro, magnesio, rame e manganese.
Composti vegetali presenti nel cioccolato crudo hanno dimostrato di abbassare la pressione sanguigna, proteggere dalle malattie cardiache, migliorare le funzioni del cervello e proteggere la pelle dai pericolosi raggi UV del sole.
Per ottenere il massimo dei benefici prepara da te il cioccolato crudo con polvere di cacao crudo, burro di cacao crudo e una po’ di xilitolo o di stevia per dolcificare.
 

4. Mandorle

Le mandorle sono uno degli snack più classici. Contengono grassi sani, sono molto nutrienti e non richiedono preparazione, se non di essere messe a bagno in acqua e succo di limone per rimuovere l’acido fitico.
Le mandorle sono ricche di antiossidanti. Hanno anche una grande quantità di fibre, proteine e diverse vitamine e minerali come la vitamina E, manganese e magnesio.
Le mandorle possono abbassare la pressione sanguigna e il colesterolo, oltre a ridurre l’ossidazione del colesterolo LDL. Tutti questi sono fattori di rischio delle malattie cardiache.
Sono anche molto sazianti. Nonostante sia ricche di grassi e calorie, uno studio ha evidenziato che le mandorle aumentano la perdita di peso del 62% se sono parte di una dieta per perdere peso.
Se desideri uno snack dolce, prova a mangiare 2-3 mandorle con un dattero. E’ uno spuntino delizioso.

5. Pistacchi

Questi piccoli semi oleosi fanno venire l’acquolina in bocca.
I pistacchi contengono una grande quantità di grassi sani che fanno bene al cuore, proteine di alta qualità e fibre.
Sono anche una buona fonte di vitamine del gruppo B, fosforo, potassio e ferro.
Come fonte di potenti antiossidanti, i pistacchi sono stati collegati a benefici sulla salute come miglioramento dei grassi nel sangue, diminuzione del colesterolo LDL e riduzione dell’infiammazione e dei livelli di zuccheri nel sangue.
I pistacchi danno molta soddisfazione. Se consumati con moderazione, possono aiutare a mantenere il peso.
Assicurati solo di non mangiarne tanti tutti in una volta, perché i pistacchi sono molto ricchi di calorie. Pensa che una sola tazza contiene più di 700 calorie.

6. Ciliegie

Le ciliegie sono uno snack delizioso e salutare.
Hanno poche calorie, ma diversi nutrienti, tra cui fibre e vitamina C.
Contengono anche antiossidanti e composti vegetali.
Le ciliegie contengono nutrienti che possono proteggere da malattie come il cancro, malattie cardiache, diabete di tipo 2 e Alzheimer.

7. Mango

Il mango è un frutto tropicale che contiene fibre solubili e una grande quantità di antiossidanti, tra cui vitamina A (da beta-carotene) e vitamina C.
Ha relativamente poche calorie e un indice glicemico che va da basso a medio, cosa che significa che non dovrebbe causare picchi di zuccheri nel sangue.
Il mango è ricco di composti vegetali e antiossidanti e può contribuire a ridurre i rischi di stress ossidativo e diverse malattie cardiache, come il cancro.
Il mango fresco è semplicemente delizioso e molti amano aggiungerlo a porridge, frullati e macedonia.

8. Avocado

L’avocado è un frutto grasso diverso da tutti gli altri, dalla consistenza tenera e cremosa.
L’avocado è ricco di acidi grassi monoinsaturi, antiossidanti e fibre.
E’ anche un’ottima fonte di vitamine del gruppo B, vitamina K, potassio, rame, vitamina E e vitamina C.
Mangiare avocado fa bene al cuore, riduce il colesterolo nel sangue e i trigliceridi fino al 22%, mentre innalza il colesterolo “buono” HDL.
L’avocado sazia e non innalza di molto i livelli di zuccheri nel sangue, cosa che lo rende un cibo amico della perdita di peso.
Se non ti piace da solo, prova ad aggiungere un po’ di sale.
Volendo puoi anche preparare una mousse al cioccolato con l’avocado con questa ricetta:
• 1 avocado
• 1/2 banana
• 1 cucchiaio di olio di cocco
• 2 cucchiai di cacao crudo
Fa attenzione però, perché questo budino è ricco di calorie e puoi farlo solo ogni tanto.

9. Patate dolci
Le patate dolci sono nutrienti, ricche di fibre e hanno un delizioso sapore dolce.
Sono un’ottima fonte di vitamina A (da Beta-carotene) e contengono una buona quantità di vitamina C, oltre ad altre vitamine e minerali.
Le patate dolci contengono anche diversi antiossidanti e possono ridurre lo stress ossidativo nel corpo, potenzialmente aiutando a ridurre i rischi di cancro.
La varietà bianca può anche aiutare a moderare i livelli di zuccheri nel sangue.

10. Datteri

I datteri sono nutrienti e versatili.
Sono una buona fonte di fibre, potassio, ferro e alcuni composti vegetali.
Di tutti i tipi di frutta secca, sono una delle più ricche fonti di antiossidanti e contribuiscono a ridurre lo stress ossidativo nel corpo.
I datteri hanno un basso indice glicemico, cioè non generano picchi di zuccheri nel sangue.
E’ vero che è sempre bene non esagerare nel consumo di frutta secca, ma un dolcetto crudista a base di datteri, o uno spuntino fatto ogni tanto (al posto delle pessime merendine confezionate) con due datteri e olio di cocco può essere una pausa gustosa e sana.

11. Gelatine di frutta

In questa stagione le gelatine di frutta sono un vero toccasana.
Ti basta un po’ di frutta a tua scelta, acqua e agar agar per preparare un dolcetto leggero, rinfrescante e molto gustoso.
L’agar agar, che i giapponesi chiamano kanten, si ottiene da un’alga rossa ricca di minerali.
Dal sapore leggermente dolce, è molto benefica per i polmoni e per i reni, riduce le infiammazioni e le altre condizioni di calore eccessivo.
E’ molto usata per promuovere la digestione, per perdere peso e per eliminare le tossine. Inoltre è una buona risorsa di calcio e di ferro ed è praticamente priva di calorie.
L’agar agar naturale è ricca di iodio e di oligoelementi ed è stata apprezzata nel tempo per le sue leggere proprietà lassative.
L’agar agar si vende in fiocchi, polvere o barre.
12. Gelato fatto da te
Su  Youtube trovi diverse ricette per preparare un delizioso gelato, molto nutriente ed equilibrato.
E' naturale al 100%. E puoi prepararlo a casa in pochi minuti, con un frullatore e pochi semplici ingredienti.
Gli ingredienti fondamentali sono:
1. Banane mature tagliate a pezzetti e congelate.
2. Datteri.
3. Polvere di cacao crudo.
Conclusione
La prossima volta che hai desiderio di qualcosa di sfizioso, opta per una di queste alternative.
Non solo sono più buone dei dolciumi spazzatura, ma in molti casi migliorano anche la tua salute e ti fanno sentire meglio.
E ricorda di non esagerare mai con gli zuccheri.


giovedì 23 ottobre 2014

12 grafici che mostrano perché ingrassiamo

Le persone oggi sono grasse e deboli quanto mai prima.
Il tasso di obesità è triplicato dal 1980, ed è aumentato in modo particolarmente veloce nei bambini.
Il motivo per cui questo è accaduto è ancora dibattuto dagli scienziati, ma si tratta sicuramente di qualche cambiamento ambientale, perché i nostri geni non cambiano così velocemente.
Questo articolo contiene dei grafici con l’andamento storico e i risultati degli studi sull’obesità, che mostrano alcuni dei principali motivi per cui l’obesità è diventata un problema così diffuso.
Ecco quindi 12 grafici che mostrano perché si ingrassa.

1. Le persone mangiano più cibo spazzatura che mai

1
Fonte: Dr. Stephan Guyenet. Fast Food, Weight Gain and Insulin Resistance. Whole Health Source
Le persone oggi assumono più calorie rispetto al passato… e quasi tutte derivano da alimenti raffinati.
Nel grafico sopra puoi vedere come la popolazione abbia cambiato le sue abitudini alimentari nei 120-130 anni passati.
Alla fine del XX secolo, le persone mangiavano cibo semplice, preparato a casa.Intorno al 2009, circa la metà di ciò che le persone mangiavano era cibo da fast food o cibo pronto.Questo grafico in realtà è fin troppo ottimista, perché ciò che le persone mangiano a casa in questi anni è quasi interamente cibo raffinato.

mercoledì 22 ottobre 2014

Xilitolo: tutto quello che devi sapere



Se dovessimo stilare una lista dei peggiori ingredienti delle diete moderne, lo zucchero aggiunto sarebbe senza dubbio in cima alla lista.
Per questo motivo sempre più persone si sono buttate sulle alternative naturali, come lo xilitolo.
Lo xilitolo assomiglia allo zucchero per aspetto e sapore, ma contiene meno calorie e non alza il livello di zuccheri nel sangue.
Diversi studi suggeriscono che migliora la salute dei denti e ha anche tanti altri benefici.
In questo articolo troverai una panoramica dei benefici dello xilitolo e dei suoi effetti sulla salute.

Che cos'è lo xilitolo e da cosa è composto?

Lo xilitolo è una sostanza classificata come polialcool, o zucchero derivato dall’alcool.
I polialcoli sono degli ibridi di molecole di zucchero e di alcool. La loro struttura così fatta da loro la capacità di stimolare i recettori del sapore dolce presenti sulla lingua.
Lo xilitolo si trova in piccole quantità in molti frutti e verdure ed è considerato una sostanza naturale. Anche il nostro corpo ne produce naturalmente una piccola quantità attraverso il normale metabolismo.
E’ uno degli ingredienti presenti in alcune gomme da masticare senza zucchero, caramelle, mentine, alimenti per diabetici e prodotti per l’igiene orale.
Lo xilitolo ha un tasso di dolcezza simile a quello dello zucchero, ma contiene il 40% in meno di calorie:
• Zucchero da tavola: 4 calorie per grammo
• Xilitolo: 2,4 calorie per grammo
Ha l’aspetto di una polvere bianca e cristallina.
Ovviamente è un dolcificante “raffinato”, nel senso che non contiene alcuna vitamina, minerale o proteina. In questo senso è quindi una caloria vuota.

Lo xilitolo si estrae da alberi come le betulle, ma può anche essere sintetizzato attraverso procedimenti industriali che trasformano una fibra vegetale chiamata xylan in xilitolo.
Anche se i polialcoli sono tecnicamente dei carboidrati, la maggior parte di questi non innalza il livello di zuccheri nel sangue e quindi non contano come carboidrati e fanno parte della categoria dei dolcificanti low-carb.

Lo xilitolo ha un indice glicemico molto basso e non innalza gli zuccheri nel sangue o l’insulina

Uno degli effetti negativi degli zuccheri aggiunti (e dello sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio) è che possono alzare i livelli di zuccheri nel sangue e di insulina.
A causa dell’elevata quantità di fruttosio, possono anche provocare insulino resistenza e ogni sorta di problema metabolico quando sono consumati in eccesso.
Bene, lo xilitolo contiene zero fruttosio e ha effetti trascurabili su zucchero nel sangue e insulina.
Inoltre, nessuno degli effetti negativi dello zucchero bianco si applica allo xilitolo.
L’indice glicemico (la misura di quanto velocemente un alimento innalza il livello di zuccheri nel sangue) è solo 7, a differenza dello zucchero bianco, che ha indice glicemico pari a 60-70.
Può anche essere considerato un dolcificante “amico” di chi vuole perdere peso, perchè contiene il 40% in meno di calorie dello zucchero.
Per le persone con diabete, prediabete, obesità o altri disturbi metabolici, lo xilitolo è un’eccellente